Il cliente:  SALONE DEL CAMPER. L’evento leader in Italia per il plain air.

A Settembre, per nove giorni, ogni anno sono centinaia i camper in sosta nei parcheggi delle Fiere di Parma.
È il Salone del Camper.

Con 130 mila visitatori, il punto di riferimento italiano per gli amanti del turismo all’aria aperta e il secondo più importante evento del settore a livello europeo.

Il problema: fidelizzare il pubblico esistente, attirarne di nuovo, convertire l’engagement in presenze.

Ad ogni edizione del Salone del Camper la comunicazione ha tre sfide da vincere. La prima è portare il pubblico delle edizioni precedenti a rivivere nuovamente l’esperienza della fiera. La seconda è attirare nella community e poi al Salone un target nuovo, tendenzialmente più giovane, che non possiede camper o caravan, ma potrebbe considerare in futuro di acquistarne uno. A questi due tipi di pubblico differenti occorre parlare con una comunicazione integrata e coerente. Ma il lavoro non finisce qui, perché la terza sfida è tradurre il coinvolgimento online della community in presenza reale all’evento: i like devono diventare biglietti venduti.

L’idea:  costruire la community a partire dall'empatia.

Ogni viaggio ha una partenza. La nostra è stata il pubblico del Salone: un popolo di appassionati che condivide valori, passioni, stili di vita. Persone che non vivono il Salone del Camper come una fiera, ma come l’occasione per ritrovarsi.

Da questa premessa è derivata la nostra strategia. Attivare l’empatia del target, prima di tutto. Stimolarne il senso di appartenenza.

Coinvolgere sull’esperienza (un viaggio in libertà, costruito su misura delle passioni di ognuno) prima che sul prodotto (il Salone del Camper e i veicoli ricreazionali).

Un mix editoriale di contenuti identitari, informativi e persino ludici ci ha permesso di aggregare al pubblico che già conosceva il Salone anche quello che un camper non ce l’ha ma lo sogna o quello che, semplicemente, è incuriosito dalla prospettiva di una vacanza in libertà.

Strumenti e risultati: quattro anni in crescita.

Dal 2015 al 2018, abbiamo sviluppato e consolidato la strategia iniziale, utilizzando un mix di strumenti e canali via via più articolato e integrato.

> 2015: Abbiamo attivato il presidio dei principali canali social: Facebook, Instagram, Twitter. Creazione dei contenuti editoriali, anche attorno a rubriche editoriali ben riconoscibili, community management e costante analisi dei dati per ottimizzare i risultati.

> 2016: Abbiamo accelerato la crescita della community e approcciato il canale video, con un pre-roll studiato per rendere inaggirabile e incisiva la pubblicità su You Tube.

> 2017: Abbiamo creato una nuova identità per la comunicazione istituzionale della campagna, basata sul concept creativo “Dove ti porta il cuore”, perno di un messaggio declinato in modo coordinato e coerente su tutti i canali.

> 2018: Per la prima volta, sui social,  abbiamo curato un progetto di digital Pr, realizzato insieme a Vostok100k, dedicato a raccontare l’opportunità del Salone al target del pubblico “attraibile”. Alla strategia per i canali social abbiamo affiancato la gestione di altri due fondamentali touchpoint digitali: il sito web (ripensato completamente per facilitare l’esperienza dell’utente) e il canale dell’email marketing.

41k

Fanbase su Facebook

4,5mil.

Impression complessive sui social media

4,2%

Tasso di engagement su FB

130k

Visitatori

+30%

Visitatori unici del sito da fonte organica

60%

Reach Digital PR su audience esterna a quella del Salone

37%

Engagement rate video digital Pr

Top